Topic:
11 Aprile 2020

Pasqua, festa della gioia

La Pasqua è la vittoria sul peccato che è l'assurdo dell'uomo
La Pasqua è la festa della gioia, del gaudio, perché è la vittoria sul peccato che è l'assurdo dell'uomo. Gesù ha vinto in se stesso e ha dato la possibilità di vincere in noi stessi il peccato che è rifiuto d'amore, con l'atto suo supremo d'amore dando la vita per noi.
Gesù ci ha riscattati dal peccato, mettendoci nella gioia della vita.
Lo scopo per cui Dio ha creato l’uomo è perché l’uomo abbia la gioia. Dio è proprio un padre, anzi il primo e unico vero padre, che gioisce della gioia dei propri figli.
Tutta la Bibbia è l'annuncio della gioia, in particolare il Vangelo è l'annuncio della gioia, della pace per tutti. Gesù rivela l'uomo all'uomo: fatto a immagine e somiglianza di Dio, è destinato alla gioia in questa vita e nell'altra. Possiamo dunque affermare che quando non c'è la gioia in noi è perché l'amore a Dio e al prossimo deve crescere maggiormente.
Il peccato produce la morte e quindi è l'opposto della gioia; in fondo alla strada del peccato c'è sempre la miseria spirituale e l'infelicità.
Risorgere dal peccato è ritornare alla gioia.
 
La Confessione è l'abbraccio che Dio Padre dà a noi suoi figli, che nel pianto gridiamo con fiducia: «Padre ho peccato contro di te» ed entriamo così nella gioia del Padre.
La comunità cristiana è comunità di gioia, che proviene dal costante lavoro interiore.
Quando si vive nell'amore a Dio e al prossimo tutto si rinnova: la famiglia diventa lo spazio della celebrazione dell'amore; i figli infatti non hanno bisogno di avere soltanto una casa, ma una famiglia. I giovani vengono educati con la vita impostata e basata sulla novità dell'amore. La morale non viene ridotta all'igiene, ma al rispetto dell'uomo. Il sacramento del matrimonio rende vera e piena la famiglia. Le famiglie insieme scoprono nel Signore una sorgente di gioia e di vita.
 
Tutti i membri della comunità cristiana danno se stessi, perché tutti siano nella gioia; cosi c'è chi s'impegna nella preghiera, nella carità fraterna, nella polisportiva, nella catechesi, nell'affidamento, nella presenza agli ammalati, nell'accudire alla pulizia della chiesa, nella lotta per la giustizia, ecc.
La comunità cristiana è un cantiere di gioia: in essa facciamo esperienza che è vero il Vangelo e che la felicità e la gioia scaturiscono dal vivere come il Vangelo ci dice.
L'Alleluia pasquale cosi non è solo un augurio ma l'espressione di una realtà che vive.