Topic:
24 Gennaio 2021

Vangelo di domenica 24 gennaio: «Venite dietro a me»

Ogni chiamata crea una relazione tra chi chiama e chi è chiamato. Date mano libera allo Spirito Santo!
Foto di Camille Brodard
Vangelo della domenica: meditiamolo insieme grazie al commento di don Oreste Benzi
Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».
Passando lungo il mare di Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. Gesù disse loro: «Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini». E subito lasciarono le reti e lo seguirono.
Andando un poco oltre, vide Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, mentre anch’essi nella barca riparavano le reti. E subito li chiamò. Ed essi lasciarono il loro padre Zebedèo nella barca con i garzoni e andarono dietro a lui.
Dal Vangelo di Marco (Mc 1, 14-20)

Commento al Vangelo di domenica 24 gennaio 2021 

Ogni chiamata crea una relazione tra chi chiama e chi è chiamato. La fede non è altro che questa relazione che inizia da colui che chiama e che prosegue in una risposta di colui che è chiamato. È lo Spirito Santo che ci precede e suscita in noi la fede, la chiamata a vivere in lui. E l’apertura allo Spirito Santo è il gusto della vita, è la gioia senza fine, è uscire da una logica umana per entrare in disegni ben più grandi e diversi che il Signore ci dona.
Il santo è colui che dà mano libera allo Spirito Santo e vive la vita nello Spirito, la spiritualità che il Signore gli ha dato. Date mano libera allo Spirito Santo!
 
Leggi le letture e le meditazioni di ogni giorno su Pane Quotidiano