Topic:
13 Agosto 2021

Non basta apparire, bisogna essere

La nostra fiducia dov'è? La nostra ricchezza dov'è?
Foto di Riccardo Ghinelli

Un aneddoto racconta di un vescovo che durante la vita passava per santo, stimato da tutti, e che dopo la morte appare al suo segretario in visione, circondato da fiamme di fuoco. Allora il segretario, stupito e sbalordito, gli dice: «Eccellenza, ma voi sembravate un santo!». E lui: «Eh, davanti a Dio non basta apparire santi, bisogna esserlo davvero!».
Non basta apparire, bisogna essere: essere tutto quello che noi siamo nel Signore. Sai che se tu vai a fondo su questo, ti viene una voglia matta di vivere il Vangelo? Tutto, tutto, tutto!

Non basta apparire poveri: quanto ci sarebbe da dire su questo! Tu dove vai a cercare le tue sicurezze? Ci sono alcuni che, arrivati a una certa età, invecchiando sentono crescere in loro la paura e allora pensano: non sarà meglio che io abbia un po’ il mio posto al sole? Io dico loro: «No, sono i poveri la nostra sicurezza. Ce l’ha detto Gesù: i poveri li avrete sempre con voi».
Non apparire, ma essere, essere in Gesù. Lui ha portato una nuova creazione, una nuova vita: cambia completamente di valore l’importanza delle cose.

Quello che prima ritenevi importante diventa stupidità, quello che ritenevi gloria umana ora ti sembra insignificante. 
Non appari più povero, ma sei povero, perché sei ripieno della volontà di Dio. Allora tu ti accontenti di ciò che hai. Il denaro che cos’è per noi? È quanto ci è necessario per poter continuare ad amare e a vivere; non è più il metro di misura del nostro impegno.
Il metro di misura del nostro impegno è l’amore, è il bisogno del fratello, è la realtà dell’altro.
La nostra fiducia dov’è? La nostra ricchezza dov’è? È nel modo di vivere secondo il Signore. Com’è bello questo! Allora sì che tu stai bene e respiri meglio. 

Non basta apparire sinceri, bisogna esserlo. Pensa per un istante di vederti sempre sincero… che bello! Non basta apparire umili, bisogna esserlo davvero. Non basta accogliere col sorriso, con quel sorriso meccanico che dopo un po’ che ridi ti fanno male le guance. No! Accogli invece il tuo fratello nel cuore. 
«Ma da dove devo incominciare?». È semplice: in ogni cosa chiediti che cos’è gradito a Dio; questa è la giustizia. E tieni lo sguardo fisso sopra di Lui. 
«E per quanto riguarda il mio prossimo?». Se vuoi cominciare un cammino che ti porterà sempre più lontano, ti dico: ama sempre per primo, ama gratuitamente, ama senza chiedere risposta, ama perché sei figlio di Dio.