Topic:
15 Aprile 2020

Non perdiamo lo smalto!

Cattive abitudini alimentari portano ad un'usura dello smalto. Ecco i consigli del medico per mantenere un sorriso sano e luminoso.
Foto di Diana Drubig
L’erosione dello smalto dei denti è un problema poco noto, ma diffusissimo ad ogni età. La colpa è di cattive abitudini alimentari come ad esempio un’alimentazione molto ricca di acidi che attaccano la parte mineralizzata esterna del dente indebolendola, compromettendo così la stabilità dei denti e aprendo la strada alle carie. Le bibite gassate, gli energy drink, i sottaceti, i succhi di frutta, ma anche agrumi e pomodori, che sono molto acidi e se assunti in gran quantità (per esempio perché si segue una dieta vegetariana o vegana), possono essere veramente dannosi per lo smalto dei denti.
Gli acidi possono trovarsi nel cavo orale a causa di patologie dell’apparato digerente come il reflusso gastro-esofageo o disturbi alimentari, ma più spesso la causa sono i cibi e le bevande molto acide: se queste bevande vengono sorseggiate a lungo senza lasciare tempo alla saliva di riportare il ph orale a un livello di sicurezza, possono danneggiare lo smalto.
Il rimedio però esiste: per bere senza rischi un centrifugato di frutta o verdure acide, può essere sufficiente usare una cannuccia. Anche bere molta acqua è utile per contribuire a diluire l’acidità sui denti. Molto utili sono i chewing gum perché incrementano fino a dieci volte la produzione di saliva, ma devono essere senza zucchero o a base di xilitolo per non causare l’insorgenza di carie. Per ridurre i rischi delle diete troppo ricche di vegetali acidi (pomodori, peperoni, melanzane) bisogna aumentare l’utilizzo di ortaggi poco acidi e fibrosi come: sedano, broccoli, verdure a foglia, che aiutano anche a “spazzolare” i denti durante la masticazione.
Attenti ai segnali di un indebolimento dello smalto: un ingiallimento dei denti, per esempio, è indice di perdita dello smalto perché la dentina sottostante è più giallastra. Un altro campanello d’allarme è l’ipersensibilità al caldo e al freddo. L’usura dello smalto può essere dovuta anche a un’aggressione meccanica diretta che rimuove il rivestimento di smalto. Può essere dovuta alla presenza di piercing sulla lingua o al digrignare i denti (bruxismo) durante la notte, che comporta un’abrasione molto consistente dello smalto: in questo caso è sufficiente l’utilizzo di un bite apposito per risolvere il problema.

7 consigli per difendere lo smalto

  1. Bere molta acqua dopo aver mangiato o bevuto cibi acidi
  2. Bere con la cannuccia (biodegradabile!) le bevande molto acide in modo che il contatto con i denti sia minimo
  3. Usare chewing gum senza zuccheri che incrementano la produzione di saliva
  4. Lavare i denti in modo corretto, evitando di spazzolarli troppo energicamente e non usando dentifrici sbiancanti. Bisogna aspettare mezz’ora dopo aver mangiato cibi acidi prima di usare lo spazzolino perché nei primi minuti lo smalto è più morbido per la presenza degli acidi e spazzolarlo può comportare un’aggressione meccanica più importante
  5. Usare dentifrici al fluoro che favoriscono la remineralizzazione
  6. Usare un bite notturno in caso di bruxismo
  7. Rivolgersi al dentista in caso di ingiallimento dei denti e di ipersensibilità al caldo e al freddo