Topic:
17 Febbraio 2020

L'invasione delle cavallette in Africa

Enormi sciami di cavallette stanno razziando milioni di ettari di campi coltivati in Africa Orientale. A rischio i raccolti.
Foto di Daniel Irungu
In Kenya non si vedeva una cosa simile da 70 anni: giganteschi sciami di cavallette stanno devastando l’Africa orientale. «Anche se a Nairobi ancora non è arrivato lo sciame, la gente comunque è preoccupata» spiega Simone Ceciliani, missionario della Comunità di don Benzi in Kenya dal 2011. «La Somalia ha dichiarato lo stato di emergenza nazionale, mentre in Kenya ancora il governo non ha deciso come muoversi» Gli sciami, grandi 2.400 chilometri (il doppio della superficie della città di Roma), sono stati rilevati nel nord-est del Kenya e ora si stanno spostando verso il Sud Sudan meridionale e l’Uganda orientale.
«Le cavallette, che ogni giorno possono percorrere fino a 150 km, stanno distruggendo le colture e mettendo a rischio la sicurezza alimentare di milioni di persone» prosegue Simone.

Lo sciame proviene dallo Yemen ed è giunto in Africa attraversando il Mar Rosso, dopo che le abbondanti piogge degli ultimi mesi del 2019 avevano creato le condizioni ideali per la proliferazione di questi insetti.
Le cavallette non solo stanno mettendo in ginocchio l’agricoltura, ma sono un pericolo anche per i trasporti aerei: a dicembre scorso un volo passeggeri in Etiopia è stato portato fuori rotta dagli insetti, che si sono schiantati contro i motori, il parabrezza e il muso del velivolo. Fortunatamente l'aereo è stato in grado di atterrare in sicurezza nella capitale, Addis Abeba.
Oltre a Kenya, Somalia, Eritrea, Etiopia e Uganda, le ultime notizie mettono anche Tanzania e Yemen tra i Paesi che stanno subendo le prime incursioni degli sciami.
Il sito della FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Agricoltura) pubblica periodici aggiornamenti sulla diffusione degli sciami in Africa.