Topic:
18 Gennaio 2020

Un pacchetto vacanze per conoscere Don Oreste Benzi

Originale proposta di un albergo di Cattolica: testimonianze e visite nei luoghi del prete dalla tonaca lisa
Ampi spazi di incontro, l'angolo della meditazione, testimonianze e visite guidata. È la proposta rivolta a gruppi di giovani e famiglie interessati a conoscere i luoghi in cui ha vissuto don Benzi e le esperienze a cui ha dato vita.
Un “Don Benzi Tour” per ampliare la già vasta offerta turistica della riviera romagnola? Perché no, deve aver pensato Beppe Amateis, che da quattro anni gestisce con la sua casa famiglia l’Hotel Royal a Cattolica, di proprietà della Comunità Papa Giovanni XXIII.
«Far conoscere don Oreste è quasi un obbligo morale per la Comunità che lui ha fondato», ci spiega, «visto che è in corso la causa per la sua beatificazione. Abbiamo cominciato con un gruppo parrocchiale che è rimasto molto soddisfatto. I sacerdoti e i fedeli hanno sete di questi momenti di grazia.»
La domanda di conoscere don Oreste è senza dubbio elevata: «L’anno passato sono stati quasi quattromila i giovani che hanno incontrato le strutture della Comunità Papa Giovanni qui nel riminese» racconta Gigi Magli, responsabile per Rimini del gruppo Vieni e vivi, incaricato dell’accoglienza dei gruppi in visita.
Per cogliere questa esigenza e favorire l’ospitalità, la direzione dell'Hotel Royal ha quindi allestito offerte, valide al di fuori del periodo estivo, per i giovani e per le famiglie, prevedendo un programma flessibile che comprende sia la possibilità di sussidi audiovisivi che la visita di luoghi scelti a seconda delle richieste e delle disponibilità delle strutture che ci si propone di visitare.
Facciata dell'Hotel Royal di Cattolica con l'ampio prato antistante l'ingresso
L'Hotel Royal di Cattolica, privo di barriere architettoniche e con accesso diretto alla spiaggia, è particolarmente adatto a gruppi in quanto offre ampi spazi per momenti aggregativi.

Le tappe obbligate per conoscere don Benzi

Una tappa praticamente obbligata è la parrocchia “Gesù nostra Resurrezione” fondata da don Oreste nel 1968 insieme agli amici don Elio Piccari e don Romano Migani. Lì ha avuto la sua casa fino alla fine. Vi si possono visitare la chiesa con gli affreschi che ne raccontano la storia, e la stanzetta dove è avvenuta la sua dipartita.
Interno della parrocchia La Resurrezione di Rimini con immagini di Don Oreste Benzi
Tra i luoghi da visitare c'è la chiesa della parrocchia che fu di don Benzi, con alle pareti immagini che raccontano alcuni momenti della sua vita
Foto di Riccardo Ghinelli

Al sabato c’è la possibilità di partecipare all’Eucarestia assieme alla Comunità Papa Giovanni XXIII.
Un’altra tappa possibile è la sua tomba nel cimitero di Rimini, a pochi passi dalla sepoltura monumentale del regista Federico Fellini, di cui quest’anno ricorre il centenario dalla nascita. Lo sapevate che erano amici e che Federico lo aiutò per il suo secondo viaggio in America?
C’è poi la possibilità di incontrare una casa famiglia e di scegliere, a seconda delle disponibilità, fra centri di lavoro, la palestra “L’Arcobaleno”, le Comunità educanti per carcerati, il “Villaggio della gioia” di Forlì, l’azienda agricola di San Facondino. Tutte strutture in cui si vive lo spirito di condivisione con gli “ultimi” che ha contraddistinto fin dall’inizio la vita della Comunità Papa Giovanni XXIII fondata da don Benzi.
«A volte i gruppi chiedono anche a noi di portare la nostra testimonianza e compatibilmente con gli impegni di conduzione dell'albergo lo facciamo volentieri» spiega Beppe Amateis. Lui stesso infatti da 20 anni anni vive l'esperienza della casa famiglia, prima in Liguria, poi in Piemonte, e quando ha preso in mano la gestione dell'albergo ha portato con sé i suoi ragazzi che contribuiscono a creare un clima accogliente e familiare. 
La sala incontri dell'Hotel Royal di Cattolica
La struttura è dotata di ampi spazi in cui si possono organizzare incontri e testimonianze sulla vita di don Benzi


Sandra Sabattini: una giovane da scoprire
Non c’è solo don Benzi da conoscere nel riminese, visto che il 14 giugno verrà proclamata beata Sandra Sabattini, la giovane della Comunità morta a soli 22 anni non senza aver lasciato dietro di sé la testimonianza di una profonda adesione a Cristo.
Sia le sue amiche di un tempo che Stefano Vitali, che ha ricevuto un miracolo di guarigione per sua intercessione, potrebbero essere disponibili per un incontro.
La cappellina dell'Hotel Royal di Cattolica con la vetrata in cui si stagliano le immagini di Sandra Sabattini e Don Oreste Benzi
La cappellina dell'Hotel Royal di Cattolica con la vetrata in cui si stagliano le immagini di Sandra Sabattini e Don Oreste Benzi


Per avere ulteriori informazioni e prenotare esperienze di questo tipo basta contattare l'Hotel Royal.