Topic:
19 Aprile 2019

In Italia servono più figli

Uscire dall'inverno demografico. Si deve e si può
Il presidente del Forum delle Associazioni Familiari lancia l'allarme sulle culle vuote nel nostro paese e indica l'unica via per uscire dalla recessione economica e demografica
Siamo in guerra. Ogni anno viene sganciata una bomba che non esplode, ma che fa oltre 180mila vittime, più o meno quanti sono gli abitanti di Modena, Reggio Calabria o Reggio Emilia. Siamo in guerra. E l’unica cosa che riusciamo a fare è commentare il bollettino dei dati ISTAT sulle agenzie di stampa. Numeri spaventosi, che ormai ci lasciano indifferenti. Siamo in guerra. E stiamo sottovalutando la situazione, convinti che tanto ancora c’è tempo. Siamo in guerra e ce ne accorgeremo tra pochi anni, non appena le famiglie, che sono l’unico vero ammortizzatore sociale di questo Paese, non riusciranno più a far fronte a un disabile in casa. Ad un anziano sempre più anziano. Ad un problema sanitario cronico. Siamo in guerra perché, tra qualche anno, il nostro Paese sarà un grande ospizio. Senza futuro. Con un radioso e glorioso passato. Siamo in guerra perché dovremo accettare passivamente il fatto che i nostri figli partiranno, andranno all’estero, emigreranno per necessità. Andranno a pagare il debito pubblico di un Paese concorrente.

Non riusciamo a fare squadra

Litighiamo, discutiamo, ci accapigliamo come bambini piccoli. E non parlo solo della politica. Parlo di tutti i livelli. Parlo delle associazioni, dei sindacati. Parlo delle imprese, delle banche… Il nostro è un Paese che avrebbe bisogno di coesione e che, invece, è perennemente in guerra con se stesso.
Urge un patto per la natalità, il Forum Famiglie da tre anni lo ripete noiosamente: dobbiamo mettere i giovani nelle condizioni di fare famiglia.
Dobbiamo far ripartire questo Paese. Dobbiamo fare qualcosa per porre fine a questo suicidio demografico. Non avremo altre occasioni a disposizione. D’altronde se l’Italia oggi è come un terreno che non dà frutti, non è perché non sia potenzialmente fertile, ma principalmente perché è stato mal coltivato in tutti questi anni.
Quindi, l’obiettivo di riportare la fecondità vicino all’equilibrio generazionale, non è impossibile perché non si tratta di convincere le giovani coppie a far figli ma semplicemente di metterle nelle condizioni di realizzare meglio e con più successo i propri obiettivi di vita, i propri sogni!
Il declino non è quindi un destino ineluttabile e la crescita dipende da noi, a partire da quello che vogliamo essere e fare nei prossimi decenni. Non avremo altre occasioni a disposizione.