30 Gennaio 2020

«Le risorse per gli anziani vadano alle famiglie accoglienti»

La proposta di Ramonda al primo Congresso internazionale di pastorale degli anziani voluto da Papa Francesco
Foto di Giogio Becchetti
La condivisione con gli anziani è ricchezza: fra le esperienze la casa dei nonni di Forlì, centro aggregativo dove le persone anziane che vivono da sole possono impegnare le giornate in cucina, in attività ricreative, o al fianco di altri anziani non autosufficienti.
Risorse pubbliche per l'assistenza delle persone anziane spese per le famiglie, piuttosto che per le grandi strutture o per i professionisti dell'assistenza. È il sogno di Giovanni Paolo Ramonda, intervenuto questa mattina a Roma al congresso internazionale La Ricchezza degli anni.

Il Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII si è rivolto alle realtà del mondo cattolico arrivate da tutto il mondo: «Come comunità ecclesiali dobbiamo sentire e recuperare con tutte le nostre forze l'inserimento degli anziani nelle famiglie che se ne prendono cura, e gridare ai politici l’urgenza di destinare le risorse per gli non autosufficienti a queste famiglie, profetiche che tengono con sé i propri anziani. Scegliamo di passare dall’assistenzialismo alla condivisione».

Ricordando pure l'importanza delle strutture di accoglienza di tipo ospedaliero, «dono generoso importantissimo che può esserci per un certo periodo, fino a quando è necessario», Ramonda ha citato Don Oreste Benzi: «Dio ha creato la famiglia, gli uomini hanno inventato gli istituti».

Persone anziane: l'esperienza di accoglienza

Fra le testimonianze presentate a Roma fra gli eventi d'apertura del Congresso Internazionale La Ricchezza degli anni è intervenuta Daniela Drei. La fondatrice della Casa dei Nonni di Forlì ha raccontato la gioia della propria esperienza di condivisione con l'età d'argento. 

Signora anziana festeggia dopo il taglio del nastro della Casa dei Nonni
Il 14 gennaio 2017 Forlì ha inaugurato la Casa dei nonni, centro aggregativo dove condividere la vita con le persone anziane


«In questi anni ho scoperto che per gli anziani la famiglia e la Parrocchia sono ancora punti di riferimento fondamentali, ecco i punti di forza della Casa dei nonni». In circa 5 anni di attività soo state accolte nelle attività diurne oltre un centinaio di persone anziane, mentre altre hanno trovato insieme a Daniela una nuova famiglia con cui vivere.



«Si è creata una bella rete di aiuto. Sono venute a condividere con noi persone che vivevano da noi, mentre gli anziani che stanno bene si sono affiancati ai più giovani nelle attività di volontariato», racconta Daniela, che è educatrice. La sua esperienza è stata raccontata da Tv2000.



 

In realtà l'esperienza di accoglienza di Forlì era già nata nel 2004; e nel 2009 Daniela la raccontava sul mensile Sempre: «Uno dei valori principali di quanto stiamo facendo è proprio il ridare centralità alla relazione con la persona anziana, che in generale non è molto considerata. È molto importante sostenere lo scambio intergenerazionale: nella relazione non solo vive la solidarietà dei giovani, ma anche cresce per gli anziani la consapevolezza di essere importanti per qualcuno. Per me, poi, al di là degli impegni formali, il rapporto con alcune di queste persone non ha scadenza: piano piano sono entrate a far parte della mia vita».

 

La ricchezza degli anni, il Congresso internazionale

Le tre giornate di congresso, organizzato dal Dicastero per i Laici, Famiglia e Vita della Santa Sede, prevedono interventi degli esponenti di movimenti e realtà ecclesiali, e testimonianze. Il pomeriggio del 29 gennaio, dopo l'introduzione del Cardinale Kevin Farrel, vede gli interventi di Giuseppe De Rita del Censis e di Marco Impagliazzo della Comunità di Sant'Egidio. Fra gli altri ospiti Maria Voce, Presidente del Movimento dei Focolari; riflessioni sulla pastorale degli anziani sono portate dalle Diocesi di tutto il mondo.

L'evento si conclude il 31 gennaio a Piazza San Pietro con la Santa Messa e l'udienza con Papa Francesco.

Scarica il programma

Vedi la diretta