Topic:
20 Maggio 2020

Le api ci salveranno

20 maggio: giornata internazionale delle api. Siamo consapevoli del ruolo fondamentale di questi insetti?
Foto di Riccardo Ghinelli
Le api hanno un ruolo fondamentale per l'equilibrio ambientale e ci indicano se qualcosa non va.
Le api mellifere (Apis mellifera) si cibano di polline e nettare dei fiori e in questo modo permettono la fecondazione incrociata delle piante. Sono insetti impollinatori. Tutti gli insetti impollinatori (api di varie specie, farfalle, mosche, coleotteri etc.) contribuiscono alla conservazione degli equilibri naturali. Ma nei nostri ambienti il ruolo delle api mellifere è maggioritario, perché sono le sole in grado di impollinare molte specie vegetali durante praticamente tutta la stagione. Inoltre le api mellifere hanno un raggio d’azione che varia da poche centinaia di metri fino a oltre 3 km. Una colonia di Apis mellifera, composta tra primavera ed estate anche da oltre 50.000 api, può visitare molti miliardi di fiori in un solo anno, può farlo su un’area enorme (da 30 a 300 km2) e per più di 10 mesi all’anno.
Le api hanno un ruolo fondamentale anche in agricoltura, favorendo l’impollinazione e quindi la riproduzione di molte colture agrarie. Almeno un boccone su tre di quello che mangiamo deriva dal lavoro delle api mellifere e degli altri impollinatori. Anche altre produzioni agrarie di origine vegetale come molte fibre, oli di semi etc., derivano dal lavoro di impollinazione. Su alcune colture agrarie le api vengono utilizzate per veri e propri servizi di impollinazione, portando gli alveari sugli appezzamenti da impollinare. Purtroppo in molti casi la necessità di portare le api mellifere, ma anche bombi o altre api allevate dall’uomo, sulle coltivazioni da impollinare, deriva dall’assenza di impollinatori negli ambienti agrari. La semplificazione del paesaggio dovuta alle monoculture, ma soprattutto l’uso abbondante, frequente e generalizzato di pesticidi, fanno sì che molto spesso negli ambienti agrari scarseggino o siano del tutto assenti gli impollinatori selvatici. Se in un luogo le api stanno bene significa che in quell’ambiente trovano aspetti positivi (abbondanza e varietà di piante) e pochi aspetti negativi (monoculture, inquinamento da pesticidi, etc.). Queste caratteristiche ambientali sono importati anche per l’uomo, per la sua saluta fisica e mentale. Attraverso le api poi possiamo raccogliere dall’ambiente prodotti come il miele e il polline ed analizzarne il contenuto in residui chimici. Le api dunque, segnalandoci con il loro benessere la qualità ambientale, sono degli eccezionali bioindicatori, delle cartine di tornasole. Tutelare le api significa quindi tutelare noi stessi ed il nostro futuro.