Topic:
30 Agosto 2021
Ultima modifica: 30 Agosto 2021 ore 09:58

Le (false) origini del coronavirus

In Cina sta prendendo piede una campagna di disinformazione secondo la quale il virus Covid-19 ha avuto origine in una base militare americana.
Affermazioni di falsi scienziati, canzoni rap, account sui Social Media creati per l'occasione: ecco gli strumenti che una campagna mediatica cinese sta usando per diffondere una narrazione alternativa sulle origini del virus. Gli studiosi affermano: «Non si tratta solo di raccontare una storia, ma si tratta di creare una storia».
Il sito della BBC riporta una notizia sconcertante: in Cina si sta diffondendo sempre di più una campagna di disinformazione che afferma che il Covid-19 abbia avuto origine in una base militare americana in Maryland.
Lo scorso maggio il presidente degli Stati Uniti ha ordinato un’indagine di 90 giorni per stabilire se il coronavirus provenga da un incidente di laboratorio o se sia emerso dal contatto umano con un animale infetto. Proprio a ridosso della scadenza per la pubblicazione di questa indagine, la Cina è passata all’offensiva: nelle ultime settimane diverse fonti cinesi hanno amplificato l’affermazione infondata secondo cui il Covid-19 sia stato creato negli Stati Uniti.
La campagna di disinformazione sta utilizzando tutti i canali possibili, dalla musica rap ai falsi post su Facebook: il pubblico nazionale cinese è sempre più convinto che le critiche internazionali su come la Cina abbia gestito la pandemia Covid-19 siano infondate.

Dove è stato creato il virus Covid-19?

La maggior parte degli americani potrebbe non aver mai sentito parlare di Fort Detrick, un nome che invece sta diventando familiare in Cina. I propagandisti cinesi, infatti, hanno creato ad arte una cospirazione, suggerendo che il coronavirus sia stato prodotto all’interno dell'installazione militare a Frederick, nel Maryland, a circa 80 km (50 miglia) a nord di Washington DC e da lì poi sia trapelato e si sia diffuso in tutto il mondo.
Fort Detrick un tempo era uno dei centri del programma statunitense sulle armi biologiche: attualmente ospita laboratori biomedici che fanno delle ricerche sui virus, tra cui Ebola e vaiolo. Sono bastati questi pochi elementi per infiammare la fantasia ed è così spuntata fuori una canzone rap del gruppo nazionalista cinese CD Rev, che suggerisce trame nefaste originate proprio dal laboratorio statunitense: «Quanti complotti sono usciti dal tuo laboratorio/Quanti cadaveri con un cartellino appeso/Cosa stai nascondendo/Apri la porta di Fort Detrick».

La disinformazione viaggia su internet e usa anche le canzoni

La melodia rap è stata recentemente approvata da Zhao Lijian, il portavoce del ministero degli Esteri cinese, affermando che la canzone «parla alle nostre menti». Zhao, noto per il suo stile aggressivo, ha svolto un ruolo importante nella diffusione della teoria dell'«origine USA». Diversi tweet dal suo account lo scorso anno hanno attirato per la prima volta un'ampia attenzione su Fort Detrick: «Cosa c’è dietro la chiusura del biolab a Fort Detrick?» ha scritto a luglio 2020; «Quando gli Stati Uniti inviteranno gli esperti a indagare sull’origine del virus negli Stati Uniti?».
 
Negli ultimi mesi si sono uniti ai suoi appelli alcuni diplomatici cinesi con sede in vari Paesi, mentre l'emittente statale cinese CCTV ha persino mandato in onda un servizio speciale di un'ora, "The Dark History Behind Fort Detrick", incentrato sulle violazioni del contenimento nel laboratorio nel 2019 , per rafforzare le affermazioni lanciate da funzionari cinesi e dai media statali sulla scarsa sicurezza del laboratorio statunitense. Un hashtag correlato ha avuto più di 100 milioni di visualizzazioni su Weibo, l’equivalente cinese di Twitter.

Ricercatrice a Fort Detrick
Una ricercatrice al lavoro nel Walter Reed Army Institute of Research. Qui si studiano diversi virus, tra cui anche il Covid-19. La foto è stata scattata a Fort Detrick, Maryland, USA, marzo 2020.
Foto di USAMRDC HANDOUT
 

Le fake news che usano articoli scientifici

Un'altra teoria popolare, promossa dal tabloid nazionalista Global Times, tenta di collegare le origini del virus a un esperto statunitense di coronavirus, il dottor Ralph Baric, e ai ricercatori di Fort Detrick.
Il giornale ha suggerito che il dottor Baric abbia creato un nuovo coronavirus in grado di infettare l'uomo, citando un articolo che il ricercatore aveva scritto come co-autore sulla trasmissione del virus dai pipistrelli nella rivista Nature Medicine .
In una nota dell'editore, la rivista ha affermato di essere consapevole che l’articolo veniva utilizzato per diffondere la falsa teoria, ma la nota non è stata inclusa nel rapporto del Global Times.
 
Il giornale ha anche lanciato una petizione online chiedendo agli utenti cinesi di firmare una lettera aperta chiedendo un'indagine dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) su Fort Detrick. Le persone potevano "firmare" la lettera con un solo clic e secondo quanto riferito l'appello ha raccolto più di 25 milioni di "firme".

Falsi account Twitter per diffondere false notizie

L’articolo sul sito della BBC continua dicendo che gli esperti sono convinti che Pechino stia cercando di coinvolgere il pubblico non cinese nella disputa sulle origini di Covid-19 per confondere ulteriormente le acque.
 
Un chiaro esempio si è verificato lo scorso luglio, quando i media statali cinesi hanno iniziato a riportare incessantemente le critiche scritte in un post su Facebook da "Wilson Edwards", un utente che afferma di essere uno scienziato svizzero.
Il signor Edwards ha sostenuto che Washington era «così ossessionata dall’attacco contro la Cina sulla questione della ricerca delle origini che è riluttante ad aprire gli occhi sui dati e sui risultati».
Ma l'ambasciata svizzera in Cina in seguito ha affermato che non esiste un cittadino svizzero registrato con quel nome e ha esortato i media cinesi a rimuovere le notizie false.
 
Gli esperti ritengono che "Wilson Edwards" probabilmente non esista, ma sia invece un profilo di propaganda fittizio. La sua pagina Facebook è stata lanciata il giorno in cui ha pubblicato il post sul Covid-19. Anche un nuovo account Twitter con il nome di "Wilson Edwards" ha twittato lo stesso messaggio quel giorno.
La storia di "Wilson Edwards" sembra essere stata riportata per la prima volta attraverso un oscuro sbocco bilingue cinese-inglese con sede alle Figi, The Voice of South Pacific.
Anche se non è chiaro se Voice of South Pacific sia supportato dallo stato cinese, la sua app mobile è sviluppata da una società interamente controllata dell'agenzia di stampa statale China News Service, che per prima ha rilanciato le affermazioni di Edwards.
 
La BBC ha scoperto che anche prima che il post di Edwards su Facebook attirasse l'attenzione dei media, era stato condiviso da centinaia di account Facebook che affermano di avere sede nel sud-est asiatico, ad esempio "Eastman Tyla" in Malesia e "Tyree Schmidt" in Indonesia.
"Tyla" e "Schmidt" hanno anche fatto circolare un lungo e identico elenco di notizie pro-Cina sulle loro pagine Facebook, elogiando la gestione della pandemia da parte di Pechino.

Chi c'è dietro questa campagna di disinformazione?

Non ci sono prove conclusive su chi gestisca questi account sui social media, che spesso citano frasi dirette usate dai portavoce statali cinesi o dai principali media statali cinesi.
E Graphika, una società che analizza e studia i Social Media, ha identificato una rete di account pro-Cina falsi e segreti su Twitter, Facebook e YouTube che sono amplificatori fondamentali della teoria di Fort Detrick.
 
Quest’ultima campagna mediatica globale sul Covid-19 potrebbe non aver regalato alla Cina molti nuovi amici all'estero, ma gli analisti affermano che è riuscita a convincere il pubblico nazionale di Pechino.
«La più grande preoccupazione [del governo cinese] è la legittimità interna», ha detto alla BBC la professoressa assistente alla comunicazione globale della Georgia State University Maria Repnikova.

I blogger stranieri arruolati per diffondere sempre più la disinformazione

Altri diplomatici cinesi si sono recentemente lanciati su Twitter, che è vietato in Cina, anche se i loro messaggi combattivi sembrano mirare a un pubblico nazionale.
La professoressa Repnikova afferma che la Cina abbia offuscato per anni i confini tra propaganda interna ed esterna, ma questa strategia non è priva di rischi, poiché la messaggistica esterna meno efficace potrebbe mettere a dura prova le relazioni estere della Cina.
Nel frattempo, i media statali cinesi hanno selezionato più fonti straniere e i video blogger stranieri hanno svolto un ruolo sempre più importante nella campagna di disinformazione di Pechino. Questi sforzi mirano a «legittimare la Cina dall'esterno», secondo la professoressa Repnikova.
L'aumento di elementi stranieri nella campagna di disinformazione cinese segnala un cambiamento nella strategia di propaganda di Pechino.
«Non si tratta solo di raccontare una storia», afferma la prof.ssa Repnikova, «si tratta di creare una storia».