7 Marzo 2020

Premio Don Oreste Benzi: invia la tua candidatura

Scade il 30 aprile la possibilità di segnalare persone o enti. Ecco i requisiti e le modalità per accedere.
La seconda edizione del Premio internazionale Don Oreste Benzi è dedicata all'impegno per le donne vittime di tratta e sfruttamento, e prende ispirazione dalla sua famosa frase: «Nessuna donna nasce prostituta».
A causa dell'emergenza Covid-19 è prorogato al 30 aprile 2020 il termine ultimo per presentare le candidature al Premio Internazionale “Don Oreste Benzi. Dalla parte degli ultimi. Anno 2020”.
Il premio è stato istituito lo scorso anno dalla Fondazione don Oreste Benzi, e la prima edizione è stata vinta da don Fabrizio Valletti, gesuita che si è distinto per il lavoro a fianco dei giovani nel quartiere di Scampia, a Napoli.
Tema di questa seconda edizione è "la liberazione delle donne vittime di tratta e sfruttamento", un dramma umano sul quale don Benzi ha speso grandi energie, sia nel soccorrere le vittime che nel denunciarne le cause e, spesso, l'indifferenza delle istituzioni.

Chi può essere candidato al Premio internazionale don Oreste Benzi 2020

Il riconoscimento verrà assegnato ad una persona vivente o ad una Associazione o altro Ente in attività, sia in Italia sia all’estero, che si siano particolarmente distinti in concrete azioni volte alla protezione, al recupero e alla piena integrazione delle donne vittime di tratta e alla rimozione delle cause di questo crimine contro l’umanità, nel solco del pensiero e dell’azione di don Oreste Benzi, il quale riteneva che «nessuna donna nasce prostituta».

Chi può presentare le candidature

La segnalazione di un candidato al premio può essere avanzata da persone singole, gruppi, associazioni, parrocchie e diocesi, enti impegnati nel sociale, istituzioni pubbliche, fanno sapere dalla Fondazione. In pratica, chiunque può segnalare singoli o enti che a suo giudizio meritano di essere posti all'attenzione della giuria.
Lo scopo del premio, infatti, è proprio far emergere le iniziative di bene e di giustizia esistenti e dare loro visibilità affinché possano ispirare tanti altri ad impegnarsi per costruire una società più giusta ed inclusiva, proprio come ha fatto don Oreste Benzi. 

Come si presentano le candidature  

Ma come si fa a segnalare una candidatura? «Si può fare in modo semplice e veloce - spiega Stefano Gasparini, membro del cda della Fondazione -. Basta andare alla pagina dedicata al Premio nel sito della Fondazione don Oreste Benzi e compilare il modulo predisposto a tale scopo. La candidatura potrà essere corredata anche da immagini e video autoprodotti o una slide show di presentazione del candidato, della durata massima di 3 minuti.»

Chi valuterà i candidati

Ogni anno il Premio è assegnato da una giuria differente, tenendo conto dell'argomento a cui è dedicato.
Quest'anno la giuria sarà composta da  
  • Francesco Moraglia, patriarca di Venezia e Presidente della Conferenza Episcopale Triveneta, Presidente di Giuria;
  • Lucia Bellaspiga, scrittrice e giornalista del quotidiano Avvenire;
  • Irene Ciambezi, scrittrice e giornalista, mediatrice interculturale del Servizio Antitratta della Comunità Papa Giovanni XXIII.
Il Premio verrà consegnato durante l’assemblea generale della Comunità Papa Giovanni XXIII. L'assemblea, originariamente prevista il 13-14 giugno 2020, è stata prorogata a data da destinarsi a causa dell'emergenza Covid-19. 

Importante, intanto, è rispettare la scadenza per presentare le candidature: 30 aprile 2020, che verranno valutate dalla Giuria nel mese di maggio.