Topic:
29 Luglio 2020

Il report: è ora di pensare agli insetti

A rischio nel mondo il 41% delle specie.
Foto di Riccardo Ghinelli
Agricoltura e pesticidi sono fra i principali imputati di un'estinzione annunciata.
In tutto il mondo gli insetti sono in declino a causa dell'agricoltura industriale e dell’imponente uso di pesticidi che stanno mettendo a rischio la produzione di cibo. È quanto rivelato in Insect Atlas, l’Atlante degli insetti, report sullo stato di salute delle popolazioni degli insetti pubblicato dalla fondazione Heinrich-Böll-Stiftung e dalla rete ambientalista Friends of the Earth Europe.

Un coleottero che pare una coccinella ma non lo è
Coleottero su fiore bianco
Foto di Riccardo Ghinelli


Il ruolo degli insetti è fondamentale per mantenere in funzione il sistema ecologico del pianeta e la produzione alimentare: il 75% delle colture più importanti dipende dall'impollinazione degli insetti. Inoltre migliorano la qualità del suolo e riducono i parassiti delle piante decomponendo il letame e la materia vegetale morta.

Api e fiori
Foto di Riccardo Ghinelli


L’agricoltura industriale e l’uso dei pesticidi, aumentato di cinque volte dal 1950, con oltre quattro milioni di tonnellate di sostanze spruzzate sui campi in tutto il mondo ogni anno, hanno messo a rischio il 41% delle specie di insetti e un terzo di tutte le specie studiate è minacciato di estinzione.

L’Atlante fornisce inoltre alcuni input alla UE sui modelli sostenibili di agricoltura, produzione alimentare, e un buon sostentamento per gli agricoltori e i contadini.