Topic:
4 Maggio 2021
Ultima modifica: 4 Maggio 2021 ore 10:28

Sempre Magazine: quei migranti che premono sull'Europa

In copertina il reportage sulle migliaia di uomini, donne e bambini che vivono accampati al di fuori dei campi profughi ufficiali, tentando e ritentando di passare il confine.
Sul nuovo numero del magazine storie di sfruttamento e storie di riscatto. Analisi e proposte sui temi di attualità. Consigli per vivere il mondo degli affetti e costruire relazioni positive. Chi non è già abbonato può chiedere una copia omaggio
Di che colore sarà la nostra estate? Speriamo bianco o al massimo giallo. Sono quelli più ambiti da quando è l’indice di contagio da Covid 19 a stabilire il colore della Regione e, di conseguenza, che tipo di vita sono autorizzati a vivere i suoi abitanti. Nessuno finora, almeno nei Paesi democratici, aveva avuto un tale potere di condizionamento sulla vita delle persone.
L’esperienza della scorsa estate, la prima dell’era Covid (e speriamo che questa sia l’ultima) ha mostrato che il caldo e la vita all’aperto avevano solo indebolito ma non sconfitto il virus, che poi si è puntualmente ripresentato.
Ora però c’è l’arma dei vaccini, e potrebbe essere risolutiva.
C’è chi esprime dubbi, ma Ramonda nell’editoriale del nuovo Sempre Magazine di maggio giugno – che abbiamo anticipato ieri – invita a mettere davanti il bene comune ed affrontare il tema con «intelligenza d’amore» e «senso di responsabilità verso le persone più fragili».
Che però non sono solo nei Paesi ricchi, anzi: i dati di questi giorni ci dicono che mentre in alcuni Stati la situazione si avvia ad essere sotto controllo, in altri siamo in piena emergenza con numeri impressionanti di persone contagiate e di decessi.
Per questo, di fronte ad un’emergenza globale, andrebbe sospesa la proprietà intellettuale sui vaccini e sulle cure per renderle accessibili a tutti, ma c’è chi si oppone. Ce lo spiega nel Magazine Nicoletta Dentico, giornalista esperta di salute pubblica e sviluppo.
 
In copertina c’è l’immagine di una tenda da campeggio, ma non si parla di vacanze. Mentre il mondo ricco teme di perdere quote di benessere a causa della pandemia, dai Paesi sfruttati o in guerra si parte per raggiungere la terra promessa. In migliaia sono bloccati in Bosnia, al di fuori dei campi profughi ufficiali, accampati nei boschi o in edifici fatiscenti. Ogni tanto tentano e ritentano di passare il confine. Lo chiamano “The game”. Alcuni volontari bolognesi sono andati ad incontrarli e raccontano cosa hanno visto.

Le cause delle migrazioni sono molteplici, ma la responsabilità principale è nello sfruttamento sistematico delle risorse dei Paesi poveri da parte di quelli ricchi.

La serra ad acqua marina

Ma non mancano le notizie positive. Come la sierra refrigerante ad acqua marina inventata dall’ingegnere Charlie Paton che potrebbe consentire di coltivare ortaggi anche in terre povere e aride. Una storia davvero interessante che coniuga ingegno, imprenditorialità e sensibilità umana.

Le leggi servono a tutelare i più deboli, ma a volte può succedere il contrario. Come nel caso di Senad.
Marco e Sendad

Originario dell’ex Jugoslavia, è arrivato nella grande famiglia di Marco e Laura quando aveva solo 3 anni. Divenuto maggiorenne, avrebbe potuto chiedere la cittadinanza italiana come qualsiasi altro giovane, ma si è presentato un problema: a causa della sua disabilità non era in grado di giurare sulla Costituzione e per la legge italiana nessuno poteva farlo al suo posto. Sembra uno scherzo, invece è partita una battaglia legale durata 13 anni.

Stando in tema di legalità, vi segnaliamo la rubrica La legge sia con te dedicata in questo numero al furto delle foto in “rete”.
Con lo sviluppo dei social, utilizzati anche dai giovanissimi, immagini che vorremmo condividere con gli amici possono finire nelle mani sbagliale. Ecco allora come difendersi o, meglio ancora, come prevenire che questo accada.  
Sempre magazine maggio giugno 2021 Lifestyle

Dal mondo della cooperazione sociale, vi segnaliamo infine il "valore aggiunto" di Local to you: un progetto bolognese nato prima della pandemia, che proprio a causa delle restrizioni imposte dal Covid ha avuto un grande sviluppo.
Come ricordava spesso don Benzi: «Ogni problema può essere un'opportunità», basta saperla cogliere.

 
Questo e tanto altro sul nuovo magazine. Se non sei già abbonato, chiedi una copia omaggio