Topic:

Economia

La parola chiave su cui costruire un nuovo modello di economia solidale è: condivisione. La proposta di lavorare su un modello economico che si basa sulla condivisione delle risorse nasce da un’intuizione di don Oreste Benzi: «All’attuale società del profitto – diceva – dobbiamo contrapporre una nuova società del gratuito». Frutto di questo percorso è l'economia di condivisione.

Non perdere le speranze: iscriviti alla nostra newsletter mensile sull'economia solidale per non perdere nessun aggiornamento.

 

  Inserisci il tuo indirizzo email

Accetto il trattamento dei dati ai sensi della legge per la privacy.

 

Un nuovo modello di economia solidale

I nuovi mondi vitali di Don Benzi oggi si sviluppano sul versante del lavoro inclusivo e dell’economia civile:  l'economia di condivisione è un nuovo modo di vivere l’impresa e la professione, che non sfrutta ma valorizza anche le fasce più deboli, che non vede il mercato come luogo di competizione ma spazio di cooperazione, che non depaupera le risorse naturali ma le trasforma in un’ottica di economia circolare, nella convinzione che il bene individuale risieda solo nella ricerca del bene comune.

L'economia di condivisione nella società del gratuito

La società del gratuito è il modello sociale immaginato da Don Oreste Benzi, in cui le attività umane non sono mai volte alla realizzazione personale ma alla costruzione di un Regno di Dio sulla Terra, nel quale a nessuno debba mancare ciò che è necessario. La società del gratuito si costruisce al fianco all'attuale società del profitto, e la migliora.

Nuovi stili di vita

Ecco le notizie dalle persone impegnate nella società civile per costruire un modello economico sostenibile, a partire dagli stili di vita che ciascuno di noi può adottare nella vita quotidiana.
Abbiamo notizie per te
Iscriviti alla Newsletter per rimanere sempre aggiornato